Protesi monocompartimentale: 5 cose che non sai sulla protesi salvaginocchio

La protesi monocompartimentale potrebbe rappresentare una soluzione sicura e veloce in caso di artrosi al ginocchio, dal momento in cui è una tecnica mini-invasiva che salvaguarda la normale funzionalità del ginocchio. Il primo obiettivo della protesi monocompartimentale è infatti la restituzione al paziente del “suo ginocchio”.

5 cose che non sai sulla protesi monocompartimentale:
1. É UNA PROTESI PARZIALE 

La monocompartimentale è una protesi parziale. Un rivestimento metallico della zona articolare del ginocchio danneggiata, che permette la conservazione della restante componente cartilaginea e legamentosa sana dell’articolazione

2. bLOCCA L’ARTROSI

La protesi monocompartimentale viene inserita nel compartimento del ginocchio più logorato dall’artrosi. Il chirurgo eliminerà la parte dell’osso danneggiata ed inserirà la protesi, una sorta di sottile rivestimento, bloccando l’avanzamento dell’aratosi di 20/30 anni.

3. oPERAZIONE MINI-INVASIVA

L’intervento è un’operazione mini-invasiva, molto veloce rispetto alla classica chirurgia. Dura tra i 30 e 50 minuti e può essere fatto in regime ambulatoriale. I pazienti in buona forma fisica possono addirittura accedere al protocollo Fast Track che prevede tempi di degenza ridotti e, grazie alle nuove tecniche per i controllo del dolore, una riabilitazione più rapida. Con il protocollo Fast Track e una adeguata terapia Tecar pre operatoria, il paziente potrà alzarsi sulle proprie gambe e camminare, bere e mangiare normalmente lo stesso giorno dell’intervento. In breve tempo tornerà a condurre una vita normale.

4. rINGIOVANISCE IL GINOCCHIO

Questo tipo di protesi ringiovanisce il ginocchio. Dopo anni di convivenza con il dolore, il ginocchio tornerà adolescente e si potranno fare nuovamente le attività sportive che si praticavano in precedenza

5. rIDOTTI TEMPI DI RECUPERO

La protesi è particolarmente indicata per gli sportivi. Grazie alla mini-invasività dell’intervento e della protesi stessa, possono tornare a praticare il proprio sport in tempi relativamente ridotti, in tutta sicurezza.

Per approfondimenti clicca qui

Post Correlati

Leave a comment